Occhio a quello che dai da mangiare a Fido - Blog Eufarma

Blog

Occhio a quello che dai da mangiare a Fido

A volte dare al nostro cane il cibo della nostra può costare caro ai nostri amici a quattro zampe. Questo a causa del fatto che il metabolismo degli animali è diverso dal nostro e può non essere adatto a metabolizzare alcuni cibi perchè poco digeribili o troppo carichi di zuccheri. Può portare a diversi scompensi e in alcuni casi può essere anche molto dannoso per l'animale.

Vediamo quali sono i cibi da non dare assolutamente agli animali di casa:

Cioccolato, in particolare fondente

Contiene concentrazioni più elevate di teobromina, un alcaloide con grande potere stimolante del sistema nervoso e cardiaco, la cui assunzione può provocare aumento della frequenza del battito cardiaco e tremori al contrario degli effetti invece benefici che il cioccolato (in particolare fondente) porta agli esseri umani.

Aglio, cipolla e vegetali simili (come il porro)

Sia cotti che crudi, la loro ingestione può provocare, oltre a vomito e diarrea, una grave anemia emolitica a causa del danneggiamento dei globuli rossi. Tra le verdure, anche le parti verdi delle patate, se ingerite crude, possono determinare danni all’apparato digerente e tachicardia a causa della presenza di solanina soprattutto nei germogli.

Uva, uva passa e uva sultanina

Il rischio è quello di lesioni renali acute che, se estese, possono portare a danni renali permanenti. La sostanza responsabile di questi effetti non è stata ancora identificata.

Noci di macadamia

Contengono una molecola finora sconosciuta che presenta bassa tossicità per il sistema nervoso con conseguenze quali vomito e debolezza.

Dolcificanti, xilitolo in particolare

È molto dannoso anche in piccole quantità: determina una repentina ipoglicemia, che può portare a tremori e collasso; inoltre è difficilmente metabolizzabile a livello epatico, per cui può determinare anche lesioni al fegato.

Bevande alcoliche, birra compresa

Anche in piccolissime quantità, possono essere molto tossiche per cani e gatti che non riescono a metabolizzare l'etanolo

Caffè e tè

Contengono caffeina o teina, stimolanti del sistema nervoso e cardiocircolatorio ai quali cani e gatti sono molto più sensibili di noi.

Le ossa cotte

Se le ossa crude sono tutto sommato gestibili dai nostri cani, quelle cotte diventano fragili, rischiando di spezzarsi durante la masticazione esponendo i nostri animali al pericolo di perforazioni intestinali. Ecco perché è bene tenere nel piatto le ossa avanzate dai nostri pasti, soprattutto quelle di polli e conigli.

Gli insaccati

Salumi, prosciutti ecc. sono spesso estremamente salati, e la pelle dei salumi ormai è quasi sempre di materiale plastico sintetico.